Monthly Archives: maggio 2017

Lunedì 5 Giugno ore: 11:00 – Seminario Prof. Steve McIntosh

Functional Materials for Energy Systems: From Ionic Transport to Biomineralization

Aula Seminari Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche
Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Maggiori info e Locandina

Lunedì 26 Giugno 2017: Chimica@Tor Vergata, Giornata della Ricerca del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche

Il 26 giugno dalle ore 9:00 alle ore 17:00 si terrà un workshop per illustrare le attività di ricerca del Dipartimento.

La giornata è rivolta a tutta la comunità accademica (studenti e docenti) e ai nostri stakeholders.

La giornata vuole offrire un’occasione importante di comunicazione e confronto sui contenuti, i risultati e gli obiettivi delle ricerche scientifiche in corso al fine di una più feconda collaborazione fra le aree, dello sviluppo di un più costruttivo dialogo interdisciplinare e, per gli studenti, uno strumento di orientamento nella scelta della loro specializzazione.

Download Flyer

Nuove importanti risultati dal Laboratorio del Prof. Francesco Ricci

Creata una “fionda molecolare” per l’utilizzo mirato dei farmaci

artRicci_fig1
La scoperta è frutto del lavoro di un team internazionale di ricerca (Getty Images – Foto di repertorio)

Costituita da Dna sintetico, si tratta di uno strumento che si attiva in presenza di specifici agenti patogeni e potrebbe contribuire a migliorare l’efficienza dei medicinali utilizzati

Un meccanismo creato utilizzando il Dna sintetico e che nel suo funzionamento ricorda una sorta di fionda in grado di indirizzare i farmaci in maniera precisa. È questo il risultato del lavoro di ricerca svolto da un team internazionale che ha coinvolto l’Università di Roma “Tor Vergata” e l’Università di Montreal, i cui risultati sono stati pubblicati su “Nature Communications”.

artRicci_fig2

Più piccola di un capello

Questa “fionda” è composta da un filamento d Dna sintetico ed è grande pochi nanometri (circa 20mila volte meno di un capello). Si tratta di uno strumento che si attiva in presenza di uno specifico agente patologico, secondo un meccanismo che non è stato facile da creare: “Sono stati necessari molti esperimenti per fare in modo che la fionda rilasciasse il farmaco soltanto nel momento in cui veniva innescata dall’anticorpo”, ha spiegato Simona Ranallo, primo autore dello studio diretto da Francesco Ricci, professore associato di Chimica presso l’Università di Roma “Tor Vergata”.

Il funzionamento

Il filamento di Dna ha alle sue estremità due elementi di ancoraggio che riescono a legarsi a una proteina a forma di Y espressa dall’organismo umano in risposta a numerosi agenti patogeni come batteri e virus. Quando questi elementi estremi si legano ai bracci di questo anticorpo che funge da bersaglio, ha illustrato Ranallo, “il Dna subisce un allungamento e questo porta al rilascio del farmaco attraverso un meccanismo che ricorda quello di una vera e propria fionda che ‘spara’ il suo colpo”. Tutto questo avviene solo in presenza di quell’anticorpo specifico che riconosce gli elementi di ancoraggio del Dna; cambiando questi ultimi la fionda può essere quindi “riprogrammata”: “Poiché diverse patologie sono caratterizzate da specifici anticorpi – ha sottolineato Ricci – la nostra fionda molecolare potrebbe diventare un’arma molto precisa nelle mani dei medici”.

Aumento dell’efficienza

Uno strumento che risulta quindi estremamente preciso, ma anche versatile: “Finora – ha evidenziato Alexis Vallée-Bélisle, professore presso il Dipartimento di Chimica presso l’Università di Montreal – abbiamo dimostrato il suo principio di funzionamento impiegando acidi nucleici come farmaci modello, ma grazie alla elevata programmabilità del Dna si potrà progettare la fionda per ‘sparare’ una vasta gamma di agenti terapeutici”. Tali caratteristiche rendono questa scoperta adatta ad aumentare l’efficacia degli interventi medici: “Prevediamo che simili macchine molecolari possano essere utilizzate per rilasciare farmaci in punti specifici del corpo e migliorarne l’efficienza – ha sottolineato Ricci – diminuendone allo stesso tempo gli effetti tossici”.

Articolo da http://tg24.sky.it/scienze del 9 maggio 2017

Venerdì 9 Giugno ore 14:30 – Seminario Prof. Dror Seliktar

Protein and Cell Therapeutics using Polymeric Hydrogel Carriers

Aula Magna Gismondi
Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Maggiori info e Locandina

Benvenuto al Prof. Dror Seliktar, Faculty of Biomedical Engineering, Technion – Israel Institute of Technology of Haifa (Israel)

20170511_142528

Il Prof. Seliktar sarà ospite del Dipartimento come Visiting Professor dal 10 Maggio al 10 Agosto 2017. Collaborerà alla ricerca della Prof.ssa Sonia Melino e svolgerà un’intensa attività didattica.

 

Il Prof. Seliktar terrà due lezioni dirette agli gli studenti dei Corso di Biochimica e Laboratorio (Laurea Magistrale Chimica) e Macromolecole e processi Biochimici (Laurea Magistrale in Scienza e Tecnologie dei Materiali) e dei Corsi di Dottorato di Ricerca. Gli studenti di altri Corsi di Studio sono invitati a partecipare.

11 maggio / 14:00-16:00 / Aula 9: Engineering biomaterials to control cell-material interactions
8 Giugno / 14:00-16:00 / Aula Seminari Dipartimento:  Hydrogel Biomaterial Scaffolds for 3-D Cell Culture

Inoltre il Prof. Seliktar presenterà al Dipartimento la sua attività di ricerca in un seminario che si terrà il 9 giugno alle 14:30, in Aula Magna, dal titolo Protein and Cell Therapeutics using Polymeric Hydrogel Carriers.

Dal 15 al 26 Luglio farà un corso per gli studenti dei Dottorati in Biochimica e Biologia Molecolare , Scienze Chimiche e Materials for Health, Environment and Energy dal titolo: “BIOMATERIALS FOR TISSUE ENGINEERING”
Dettagli su orari e aula saranno comunicati al più presto.

 

 

Maggio 2017 – Il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche tra le eccellenze italiane

Il 12 maggio 2017  il Miur ha pubblicato la lista dei 350 Dipartimenti di eccellenza delle Università italiane che hanno i “requisiti” per poter accedere alla procedura di selezione per l’attribuzione di importanti finanziamenti.

Il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche dell’Università di Roma ”Tor Vergata” ottiene un lusinghiero valore di ISPD (Indicatore standardizzato di performance dipartimentale che compara discipline su base nazionale) pari a 98/100 a testimonianza della qualità della ricerca svolta.

Venerdì 26 Maggio – Seminario Prof. Mark Borden

ore: 14:00

Seminario Prof. Mark Borden ”Molecular Engineering of Microbubble Resonance

Aula Seminari Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche
Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Maggiori info e Locandina

Lunedì 22 Maggio – Seminario Prof. Tom F. A. de Greef

22 Maggio ore: 12:00

Seminario Prof. Tom F. A. de Greef ”Engineering Bioinspired Molecular Networks

Aula Seminari Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche
Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Maggiori info e Locandina